SERPENTI IN ITALIA

Come tutti sappiamo sul nostro territorio ci sono numerose specie di serpenti, 

di queste solamente alcune velenose, in questo articolo cerchiamo di capire come comportarci in caso di incontri ravvicinati e come distinguere almeno in maniera sommaria le specie velenose.

In italia abbiamo 23 specie di serpenti

le specie velenose sono  e pericolose per l’uomo sono 5,

  • Viper Berus (marasso)
  • Vipera dal corno
  • Vipera di ursinii
  • Vipera aspis
  • Viper di walser

Di seguito alcune foto

Vipera Aspis Francisciredi
Vipera dal Corno
Marasso

Detto questo va anche precisato che ci sono altre specie velenose ma non pericolose per l’uomo in quanto provvisti di dentatura opistoglifa, ovvero i denti che inoculano veleno posti in nella parte posteriore della bocca.

Nelle foto di seguito alcuni esempi di dentatura compresa la dentatura opistoglifa del malpolon monspessulanus (colubro lacertino)

velenoso ma non pericoloso per l’uomo come scritto sopra.

Colubro Lacertino

Detto questo come dobbiamo comportarci in caso di incontri,

innanzitutto i serpenti sono animali molto schivi tendono a starsene per i fatti loro e a scappare in presenza di qualcosa o qualcuno che loro ritengano minaccia, questo vale per tutti i serpenti vipere comprese.

 Ma nelle nostre uscite all’aperto è possibile di imbattersi in qualche esemplare, dovremmo almeno sommariamente imparare a distinguere i serpenti pericolosi,

in linea generale le vipere si differenziano per la forma del corpo generalmente più corta e tozza rispetto ai colubridi, per la forma della coda anche qua più corta e per occhi e testa le pupille delle vipere sono di forma ellittica e verticale e la testa e di forma triangolare mentre e di forma ovoidale nelle altre specie,

la cosa da tenere in considerazione e di non basarsi mai solamente sulla forma della testa in quanto alcune specie tendono a simulare la forma triangolare della testa per spaventare la minaccia, un segno inequivocabile sulla testa sono le squame nei colubrini sono di dimensione più grandi ed in minor numero, mentre nelle vipere sono più piccole di seguito due esempi.

Natrice dal Collare
Vipera Aspis

Come comportarsi in caso di morso.

Come comportarsi in caso di morso

Prevenire in primis, durante le nostre uscite nei boschi o sentieri e fondamentale un abbigliamento adeguato (scarponi pantaloni lunghi e calze) e avanzare rumorosamente in quanto le vipere sono sorde ma percepiscono comunque le vibrazioni.

E inoltre dobbiamo fare molta attenzione a dove mettiamo le mani, magari per raccogliere un fungo o comunque qualcosa dal terreno, (la leggenda in cui le vipere si arrampicano su piante e falsa).

I serpenti vipere comprese non attaccano per ferocia ma lo fanno solo ed esclusivamente per difesa,

detto questo se veniamo morsi da colubridi sarà sufficiente disinfettare la ferita in quanto la bocca potrebbe contenere dei batteri,

nel caso di morso da vipera

vanno presi in considerazioni diversi fattori la quantità di veleno inoculato,

in quanto per le vipere il veleno è una risorsa per sopravvivere  sono da evitare qualsiasi tipo di rimedio fai da te come succhiare il veleno dalla ferita in quanto non efficace e nel caso avessimo ferite in bocca potremmo inavvertitamente finire nei guai, o con qualsiasi altro dispositivo meccanico di estrazione ma bisogna cercare di fasciare la zona del morso  in maniera da non bloccare  il flusso venoso in quanto il veleno viene diffuso tramite il sistema linfatico.

E allertare subito i soccorsi cercando nel frattempo di tranquillizzare la persona morsa in quanto più si e sotto stress maggiore sarà la velocita di  diffusione del veleno.

Detto questo cerchiamo di imparare a convivere con i serpenti e non uccidiamoli perché oltre a commettere un reato facciamo del male alla natura in quanto sono una parte fondamentale dell’ecosistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *